LA TUA STORIA,
LA MIA STORIA

Mi chiamo Elisa Avataneo e sono una freelance dal 2017, anno in cui ho deciso di aprire la partita iva.

 

La cultura dell'evento è  l’incarnazione (fiscale) dell'esigenza che avevo di far confluire tutte le competenze acquisite nel lavoro di ideazione, comunicazione e gestione di mostre e fiere d’arte, eventi enogastronomici, festival e progetti culturali ad ampio spettro in un’unica realtà. Ma non solo.

67e95095-75bf-4d7f-8a18-d08fce611180.JPG
40642294_10156451764829627_5466885866158817280_n.jpg

ALTRE STORIE 

La cultura dell'evento è anche l’incarnazione dei miei modelli di pensiero e comportamento: mai sentito parlare degli Archetipi? Jung li definisce come un’eredità psicologica inconscia che ci aiuta a comprendere la realtà, io preferisco la definizione di forme preesistenti di pensiero che si manifestano in ogni cultura e sono riconoscibili al di là dei confini tra le stesse.

Gli Archetipi vengono rappresentati da 12 tipi di individui portatori di caratteristiche universali - in termini di bisogni, desideri, obiettivi, aspirazioni e paure - e, senza scendere troppo nel dettaglio sul come l'ho scoperto, sembra che le mie sensazioni siano governate da due di queste figure: il ribelle e il sovrano

Effettivamente... io sono proprio così!

Ribelle perché non mi conformo e studio approcci unici e su misura per portare a termine i progetti che mi vengono affidati; Sovrana perché desidero preservare quel fascino-senza-tempo-di-tutto-ciò-che-è-cultura facendomi portavoce di valori, luoghi, persone ed esperienze, come un sovrano dovrebbe fare con il proprio regno.

QUESTO POTREBBE ESSERE
L'INIZIO DI UNA
STUPENDA
COLLABORAZIONE

Eli-081.jpg